THALASSOBODY

Ritenzione idrica

La ritenzione idrica è un problema piuttosto diffuso, che colpisce con diversa intensità milioni di persone, soprattutto donne (40 % della popolazione italiana femminile tra i 20 e i 45 anni) ma non esclude del tutto anche gli uomini .In genere si manifesta con aumento di peso (è possibile accumulare fino a 4-5 kg in un solo giorno!), senso di pesantezza degli arti (che possono essere anche dolenti) e, quando la ritenzione si trasforma in cellulite, inestetismi della pelle . All'origine del problema ci possono essere gravi patologie come disfunzioni cardiache o renali, infiammazioni severe e reazioni allergiche. Spesso però il principale responsabile della ritenzione idrica è uno stile di vita sbagliato, la cui semplice correzione può apportare notevoli benefici

Il termine "ritenzione idrica" viene utilizzato per indicare la tendenza a trattenere liquidi nell'organismo. Il ristagno di questi fluidi è generalmente superiore nelle zone più soggette ad accumulo di grasso come addome, cosce e glutei.

Il segno principale della ritenzione idrica è l'edema, una condizione in cui l'accumulo di liquidi nei tessuti ne causa un anomalo rigonfiamento. A causa dell'alterata circolazione venosa e linfatica insieme a questi liquidi ristagnano anche numerose tossine che alterano il metabolismo cellulare già compromesso dal ridotto apporto di ossigeno e nutrienti.

Proprio per la sua notevole diffusione la ritenzione idrica è un problema molto sentito ma spesso sopravvalutato. Molte donne infatti attribuiscono erroneamente alla ritenzione il proprio sovrappeso ignorando che, in assenza di patologie importanti, il contributo della ritenzione idrica sull'aumento di peso è tutto sommato marginale. E' invece vero il discorso contrario; è cioè il sovrappeso a rallentare la diuresi e favorire la ritenzione idrica.

Oltre alle opportune strategie alimentari e ad una corretta attività fisica, sono particolarmente indicati i bagni con i sali del Mar Morto

I sali del mar Morto con la loro composizione unica favoriscono l’instaurarsi di un particolare meccanismo di “interscambio osmotico”. In pratica, ecco cosa accade: sciogliendo questi sali nell’acqua si ottiene una soluzione con una concentrazione di minerali superiore a quella presente all’interno del nostro corpo; quando ci immergiamo nella soluzione di acqua e sali, viene a crearsi un richiamo verso l’interno di minerali (ciò accade per riequilibrare la concentrazione delle due soluzioni, e tale fenomeno è noto con il nome “osmosi”) e un rilascio dall’interno verso l’esterno di liquidi carichi di tossine, ottenendo così un’azione di remineralizzazione cutanea abbinata a un effetto drenante e purificante. La stessa reazione osmotica si può ottenere facendo un  cataplasma di sali del mar Morto, in questa maniera si ottengono risultati più veloci e visibili sin dalla prima seduta .

Water retention is a fairly common problem, affecting millions of people with varying intensity, especially women (40% of Italian females between 20 and 45 years) but not totally rule out even men .In usually occurs with increased weight (you can accumulate up to 4-5 kg in one day!), heaviness of the limbs (which can also be painful), and when the retention becomes cellulite, skin blemishes. The origin of the problem, there can be serious conditions such as heart or kidney dysfunction, severe inflammation and allergic reactions. Often, however, the head of the main water retention is a wrong lifestyle, whose simple correction can bring significant benefits. The term "water retention" is used to indicate the tendency to retain fluid in the body. The stagnation of these fluids is generally higher in the areas most subject to fat accumulation as the abdomen, thighs and buttocks. The main sign of water retention is edema, a condition in which the accumulation of fluid in the tissues it causes an abnormal bulge. Because of altered venous and lymphatic circulation along with these liquids they stagnate also numerous toxins that alter cellular metabolism already compromised by the reduced supply of oxygen and nutrients. Because of its widespread use water retention is a very sensitive issue but often overrated. Many women mistakenly attach to retaining its overweight ignoring that in the absence of major diseases, the contribution of water retention on weight gain is altogether marginal. E 'instead of the other way speech; It is that the overweight to slow diuresis and promote water retention. In addition to appropriate dietary strategies and proper physical activity, are particularly suited baths with Dead Sea salt The salts of the Dead Sea with their unique composition favor the establishment of a detail of "interchange osmotic" mechanism. Basically, here's what happens: dissolving these salts in water yields a solution with a concentration of minerals higher than that present inside our body; when we plunge into the solution of water and salts, is created a recall towards the interior of minerals (what happens to rebalance the concentration of the two solutions, and this phenomenon is known with the name "osmosis") and a release from inside towards the outside of liquid cargo of toxins, thus obtaining an action of cutaneous remineralization combined with a draining and purifying effect. The reaction itself osmotic can be achieved by making a poultice of the Dead Sea salts, in this way you will get more fast and visible results from the first session.