Idratazione


La linea Hydraskin si basa sull’impiego di particolari sostanze funzionali, le quali determinano nella pelle un meccanismo d’azione tale da ricostituire l’ottimale equilibrio idrico.

• Produce un’azione protettiva e idratante formando un film altamente idrofilo sullo strato corneo

.• Incrementa l’idratazione sia superficiale, sia profonda.

• Stimola l’attività metabolica cellulare indispensabile per una pelle sana e vitale.

• Rappresenta una risposta completa a tutti i problemi derivanti dalla disidratazione cutanea poiché l’idratazione indotta é rapida, ma soprattutto durevole nel tempo.

CARATTERISTICHE COSMETOLOGIGHE

OMEGAPLANCTON

E’ un complesso lipidico estratto da una microalga, Phaeodactylum Tricornotum, coltivata in particolari condizioni climatiche. La sua importante funzionalità cosmetica é legata al contenuto in alcuni acidi grassi polinsaturi essenziali definiti OMEGA 3 , i quali sono normalmente presenti nella pelle e sono di primaria importanza tanto nella formazione delle membrane biologiche,  quanto nel contrastare la “perspiratio insensibilis” (perdita d’acqua per evaporazione). Questi acidi grassi essenziali hanno dimostrato di possedere, inoltre, un’azione positiva nel trattamento di un arrossamento cutaneo derivante da esposizione solare, detergenti aggressivi, inquinamento, ecc. Invecchiando, la capacità del nostro organismo di produrre gli EFA’s diminuisce e, di conseguenza, il loro contenuto nella pelle diminuisce.

Funzioni cosmetiche dell’Omegaplancton

1. Stimola la sintesi di lipidi, precursori delle ceramidi.

2. In particolare, un incremento di ceramidi negli spazi interstiziali delle cellule dello strato corneo riduce sensibilmente la perdita d’acqua legata alla “perspiratio insensibilis”, aumentando la riserva idrica cutanea.

3. Incrementa l’idratazione sia superficiale, sia profonda.

4. Ricostruisce la barriera lipidica epicutanea, migliorando la protezione della pelle nei confronti degli agenti atmosferici.

5. Inibisce l’attività di molecole, tipo gli ossidi di azoto NO (normalmente presenti

nell’atmosfera a causa dell’inquinamento), che danno origine a reazioni chimiche

dannose per i tessuti cutanei.

6. Esplica un’attività lenitiva sulle aree cutanee arrossate.

7. Produce un effetto nutriente e “anti-age”.

Sono dei componenti oleosolubili normalmente presenti nello strato corneo epidermico nella quantità de1 14%. Le ceramidi vegetali, presenti nella  formulazione cosmetica come fosfolipidi, si legano chimicamente alle molecole a loro affini dello strato corneo: si viene così a consolidare la sostanza cementante che tiene unite le cellule cornee. Ciò si traduce nella formazione di uno strato corneo dotato di una maggior coesione cellulare, il che permette il mantenimento di un livello di idratazione costante dell’epidermide, poiché si riduce la perdita d’acqua dagli strati cutanei più profondi.

IN SINTESI:

1. Le ceramidi vegetali si legano alle ceramidi dello strato cornee

2. Si consolida la sostanza cementante tra le cellule cornee

3. Cellule cornee sono più cementate e si riducono gli spazi tra cellula e cellula

4.Diminuisce considerevolmente la cosiddetta “perspiratio insensibilis”,

5. Si incrementa il patrimonio idrico cutaneo e lo strato corneo risulta più protetto.

Dal punto di vista chimico é un alcool e viene denominato tocoferolo. La sua funzione più importante consiste nel ridurre la formazione di perossidi dagli acidi grassi (frammenti molecolari altamente reattivi che degradano le fibre dermiche (collagene, elastina) e gli acidi nucleici, DNA e RNA), quindi utile come anti-radicali liberi e di conseguenza un importante fattore anti-invecchiamento.

In natura si trova come retinolo, la forma alcoolica della vit.A. Alivello cosmetico viene impiegata, però, in forma di estere del retinolo, il retinil palmitato, composto molto più stabile rispetto al retinolo. La vit.A influenza positivamente l’accrescimento e lo sviluppo della pelle e delle mucose poiché:

1. stimola la divisione cellulare nello strato germinativo dell’epidermide.

2. regola il processo di cheratinizzazione migliorando l’aspetto di una pelle secca e screpolata.

3. Stimola il “turn-over” cellulare epidermico, favorendo una rigenerazione dell’epitelio.

Rappresenta una proteina ricavata dal tessuto connettivo dei giovani bovini e   tutt’ora costituisce il fattore idratante più efficace. Nel derma é il principale   componente strutturale fibroso, di natura proteica, sintetizzato dai fibroblasti.   Le fibre di collagene, immerse nel gel amorfo della “sostanza fondamentale”   svolgono una funzione di sostegno e ammortizzazione. Il collagene nativo o   solubile si trasforma progressivamente, nel derma, con il passare del tempo in   collagene insolubile, meno elastico e molto meno idratato rispetto alla molecola   originale. E’ da questa condizione che deriva l’avvizzimento cutaneo.   Applicato sulla superficie cutanea il collagene nativo non ha praticamente   proprietà penetrative, dato che rappresenta una macromolecola, ma costituisce   un’importantissimo mezzo fisiologico per mantenere l’idratazione ottimale   ed aumentare il turgore nello strato corneo, in modo da attenuare le rughe   più superficiali.  

Funzioni cosmetiche del Collagene

1. Sulla superficie epidermica forma una pellicola altamente idrofila incrementando il turgore e l’idratazione dello strato corneo.  

2. Produce un rigonfiamento delle cellule cornee, attenuando le rughe più superficiali.

3. Migliora le caratteristiche estetiche cutanee: la pelle appare più luminosa, elastica, compatta e distesa.


Nella cute l’acqua é trattenuta dal tessuto connettivo dermico. La componente   amorfa di questo tessuto é una sostanza cementante, gelatinosa, dove sono   immerse le strutture di collagene ed elastina. Questo gel é costituito in massima   parte da proteine non collageniche e da glucosaminoglicani (mucopolisaccaridi).  

L’acido ialuronico, che chimicamente viene definito un glucosaminoglicano   (GAG) asolforato, é il più importante tra i mucopolisaccaridi presenti   nel derma e rappresenta una glicoproteina (zucchero + proteina).   L’acido ialuronico ha infatti, un’elevatissima capacità di trattenere l’acqua:   una molecola ne trattiene 100. E’ dimostrato che l’invecchiamento produce   una riduzione della quota di acido ialuronico nel derma, il quale modifica   anche la sua struttura (diventa meno polimerizzato). La conseguenza di questo   processo é una diminuzione della riserva di acqua nei tessuti cutanei, un   avvizzimento ed una perdita di turgore della superficie cutanea e la comparsa   di rughe. L’applicazione topica di piccole quantità di acido ialuronico o dei  suoi sali sulla cute produce importanti benefici: incrementa il turgore e l’idratazione   dello strato corneo formando sulla sua superficie un film altamente  idrofilo. In passato, per l’utilizzo cosmetico esso veniva estratto dalle creste di  gallo. Attualmente si ottiene, invece, dalla fermentazione di un selezionato ceppo batterico di streptococchi.  

Funzioni cosmetiche dell’Acido Ialuronico

1. Sulla superficie epidermica forma una pellicola altamente idrofila incrementando il turgore e l’idratazione dello strato corneo.  

2. Produce un rigonfiamento delle cellule cornee, attenuando le rughe più superficiali.

Il Fattore di idratazione naturale epidermico é una miscela complessa di   sostanze naturalmente presenti sulla superficie dello strato corneo, Esso contiene soprattutto amminoacidi (40%), urea (7%), zuccheri (4%), e sali; viene a formarsi dalla degradazione dei nuclei delle cellule granulose (costituiscono uno degli strati dell’epidermide) e della fillagrina, una proteina presente nell’epidermide. La sua presenza nella cute é di fondamentale importanza in   quanto é idrofilo ed igroscopico: mantiene cioé nello strato corneo il giusto   tasso di umidità, impedisce una eccessiva disidratazione delle lamelle cheratiniche e consente quindi di conservare integra, elastica e flessibile la superficie  epidermica. Purtroppo, essendo l’NMF idrosolubile o comunque asportabile con solventi o con detergenti, é facile perderne l’azione imbibente e idratante.  A livello cosmetico vengono riprodotti sinteticamente i componenti dell’NMF:  

amminoacidi di vario tipo, urea, zuccheri, sali (per esempio il piroglutammato   di sodio), i quali dal punto di vista funzionale si comportano in modo praticamente   identico alla molecola originaria.  

Funzioni cosmetiche dell’NMF.

1. Mantiene un ottimale tasso di umidità nello strato corneo.

2. Previene l’eccessiva disidratazione delle cellule cornee.

3. Migliora l’aspetto estetico della superficie epidermica mantenendola compatta, elastica, luminosa.  

The Hydraskin line is based on the use of specific active ingredients, which determine the skin a mechanism of action as to replenish the optimum moisture balance.

• It produces a protective and moisturizing forming a highly hydrophilic film on the stratum corneum

• Increase hydration is superficial, and deep.

• It stimulates the cellular metabolic activities essential for a healthy, vital skin.

• It represents a complete answer to all the problems arising from skin dehydration because the induced hydration is rapid, but most of all durable.

COSMETOLOGIGHE FEATURES

OMEGAPLANCTON


It's a 'complex lipid extract from a microalgae, Phaeodactylum tricornotum, cultivated in particular climatic conditions. Its important cosmetic functionality is tied to the content in some essential polyunsaturated fatty acids called Omega 3, which are normally present in the skin and are of primary importance both in the formation of biological membranes, as in countering the "perspiratio insensibilis" (loss d ' by evaporation of water). These essential fatty acids have been shown to also possess a positive effect in the treatment of a skin redness caused by sun exposure, strong detergents, pollution, etc. As we age, the ability of our body to produce the SSF's decreases and, consequently, their content in the skin decreases.

Cosmetic functions of Omegaplancton

1. It stimulates the synthesis of lipids, precursors of ceramides.

2. In particular, an increase of ceramides in the interstitial spaces of the stratum corneum cells significantly reduces water loss linked to "perspiratio insensibilis", increasing the cutaneous water reserves.

3. Increase hydration is superficial, is profound.

4. Rebuild the lipid barrier epicutaneous, improving skin protection against the elements.

5. It inhibits the activity of molecules, such as nitrogen oxides NO (normally present in the atmosphere due to pollution), that give rise to chemical reactions

harmful to the skin tissues.

6. It performs soothing activity on reddened skin areas.

7. Produce a nourishing effect and "anti-aging".

IN SUMMARY:

1. The plant ceramides bind to ceramides of the corneas layer

2. It strengthens the cementing substance between the corneal cells

3. corneas cells are cemented and are reduced cell-cell spaces considerably 

4. Grow down the so-called "perspiratio insensibilis"

5. It increases the skin's water resources and the stratum corneum becomes more secure.

From the chemical point of view is an alcohol and is called tocopherol. Its most important function is to reduce the formation of peroxides from fatty acids (highly reactive molecular fragments that degrade the dermal fibers (collagen, elastin) and nucleic acids, DNA and RNA), therefore useful as anti-free radicals and consequently an important anti-aging factor.

It occurs naturally as retinol, the alcohol form of vit.A. cosmetic alivello is employed, however, in the form of ester of retinol, retinyl palmitate, composed much more stable than retinol. The vitamin A positively influences the growth and development of the skin and mucous membranes because:


1. stimulates cell division in the epidermis germinative layer.

2. regulates the keratinisation process by improving the appearance of a dry and cracked skin.

3. It stimulates the "turn-over" epidermal cell, favoring an epithelial regeneration.

It is a protein derived from the connective tissue of young cattle and still is the most effective moisturizing factor. The dermis is the main structural component fibrous, proteinaceous, synthesized by fibroblasts. The collagen fibers, immersed in the amorphous gel "essential substance" play a supporting role and cushioning. The native collagen or soluble which progressively transformed, in the dermis, with the passage of time in the insoluble collagen, less elastic and much less hydrated than the original molecule. And 'from this skin condition that results wilting. Applied on the skin surface the native collagen has virtually penetrative properties, since it represents a macromolecule, but constitutes an extremely important physiological means to maintain optimal hydration and increase the turgor in the stratum corneum, in order to alleviate the most superficial wrinkles.

Collagen cosmetic functions

1. On the surface of the skin form a highly hydrophilic film by increasing the firmness and hydration of the stratum corneum.

2. It produces a swelling of the corneal cells, mitigating the most superficial wrinkles.

3. Improves skin aesthetic characteristics: the skin looks more radiant, elastic, compact and relaxed.

In the skin, the water is retained by the dermal connective tissue. The amorphous component of this fabric is a cementing substance, gelatin, where the collagen and elastin structures are immersed. This gel is made up mostly of non-collagenous protein and glycosaminoglycans (mucopolysaccharides).

Hyaluronic acid, which is chemically defined as a glycosaminoglycan (GAG) asolforato, is the most important among the mucopolysaccharides present in the dermis and is a glycoprotein (sugar + protein). Hyaluronic acid has in fact, extremely high capacity to hold water: a molecule withholds 100. And 'demonstrated that aging produces a reduction of the proportion of hyaluronic acid in the dermis, which its structure (it becomes also changes not cured). The consequence of this process is a decrease in water reserves in the skin tissues, a wilting and a loss of turgor of the skin surface and the appearance of wrinkles. The topical application of small amounts of hyaluronic acid or its salts on the skin produces important benefits: increasing the firmness and hydration of the horny layer forming on its surface a highly hydrophilic films. In the past, for the cosmetic use it was extracted from cocks' combs. Currently it is obtained, instead, by fermentation of a selected bacterial strain of streptococci.

Cosmetic functions of hyaluronic acid

1. On the surface of the skin form a highly hydrophilic film by increasing the firmness and hydration of the stratum corneum.

2. It produces a swelling of the corneal cells, mitigating the most superficial wrinkles.
The natural moisturizing factor is epidermal a complex mixture of substances naturally present on the surface of the stratum corneum, especially It contains amino acids (40%), urea (7%), sugar (4%), and salts; It is formed by the degradation of granulosa cell nuclei (constitute one of the layers of the epidermis) and the fillagrina, a protein present in the epidermis. Its presence in the skin is of utmost importance as it is hydrophilic and hygroscopic: it keeps the stratum corneum that is the right amount of moisture, prevents excessive dehydration of the keratin lamellae and then allows you to preserve the integrity, supple and flexible skin surface. Unfortunately, being the water-soluble or otherwise removable NMF with solvents or detergents, it is easy to lose the wetting action and moisturizer. A cosmetic level are briefly played the NMF components:

various types of amino acids, urea, sugars, salts (for example sodium pyroglutamate), which from the functional point of view, behave practically identical to the original molecule.

NMF cosmetic functions

1. Maintains optimum moisture content in the stratum corneum.

2. It prevents excessive dehydration of the horny cells.

3. It improves the aesthetic appearance of the skin surface keeping it firm, supple and radiant.




Troverai caratteristiche tecniche e maggiori informazioni nel nostro negozio on-line


© Copyright 2017 Euderme Wellness